Programma del Secondo Trimestre dell’Anno Sociale 2019-2020             Gennaio – Aprile 2020 – Riflessioni sull’anno appena finito

Tempo di bilanci

Cari soci, ripercorrere l’anno appena finito è per me poco entusiasmante. Sarà perché un altro anno è passato, sarà perché si poteva fare di più e meglio, sarà perché le cose fatte non hanno più lo smalto della progettualità, ma è così. Eppure è bene ricordarle per trarre insegnamento dagli errori, come dicono i saggi, e nuovo slancio per nuovi progetti.

Ciò premesso, l’obiettivo più importante conseguito nel 2019 è stata la trasformazione giuridica de La Famèja Bulgnèisa da Sodalizio ad Associazione di Promozione Sociale. Ciò comporta vantaggi fiscali tra cui il diritto al 5 X 1000 della Dichiarazione dei Redditi di chi ci privilegerà nella scelta. Questa entrata sarà vitale sia per migliorare le offerte nel campo socio-culturale, sia per far fronte alle spese di manutenzione dell’appartamento in cui l’Associazione ha sede e che le appartiene, tramite l’omonima Immobiliare Srl, per più del 99%.

Un altro obiettivo raggiunto è stato il finanziamento del progetto per il riavvicinamento al dialetto di adulti e giovani, finanziato dalla Fondazione Carisbo e patrocinato dal Comune di Bologna. E’ grazie a questo finanziamento che nella nostra sede possiamo offrire gratuitamente alla città ben sei spettacoli dialettali allestiti dalla Compagnia Dialettale Bolognese ‘Arrigo Lucchini’ con la regia di Davide Amadei.

Non meno importante è stato aver ripristinato, dopo decenni di assenza, il dialogo con l’Ente comunale nella persona dell’Assessore alla cultura Matteo Lepore che è intervenuto, il 4 ottobre scorso, al pranzo di apertura dell’Anno Sociale e, successivamente, ha risposto collaborativamente alle nostre richieste.

Nel corso dell’anno si sono poi presentate occasioni importanti cui ho ritenuto opportuno, per il bene e gli scopi dell’Associazione, rispondere con impegno: la collaborazione con l’Università Primo Levi nella persona del Presidente dott. Franco Franchi, e la celebrazione del nostro socio onorario perpetuo Guglielmo Marconi nel centesimo anniversario dell’acquisto della nave Elettra (1919), che divenne così il suo laboratorio sul mare. Dopo trent’anni di assenza dalla nostra sede, accanto al Presidente della Fondazione G. Marconi, prof. Gabriele Falciasecca, sono intervenuti con grande gioia, come relatori nella conferenza dedicata, la figlia dello Scienziato bolognese, Principessa Elettra, e il nipote Guglielmo.

Il 2019 ci ha inoltre regalato un vero Archivista e Bibliotecario nella persona del socio dott. Alberto Beltramo che ha assicurato gratuitamente la sua professionalità e la sua competenza nella gestione e nel riordino della nostra Biblioteca e dell’Archivio. Altrettanto felice sono di aver acquisito come socia la giovane Storica dell’Arte dott.ssa Francesca Sinigaglia che, nel nostro Archivio, sta facendo ricerche su Nasica, di cui possediamo una discreta quadreria, finalizzata a una prossima pubblicazione.

Abbiamo finalmente anche un nuovo Sito di cui ripeto l’indirizzo web: www.lafamejabulgneisa.it.

Dobbiamo poi ringraziare Gianni Cavina che, recatosi ad Alba, in Piemonte, ha riallacciato i rapporti con l’Associzione Famija Albèisa, tanto che nel nuovo anno proveremo a progettare qualche attività insieme.

Un’iniziativa, purtroppo, che non ha dato i risultati sperati è stata la sottoscrizione a premi. Eppure i quadri che abbiamo messo in palio sono belli e hanno un valore complessivo di circa mille euro! Mi scuso se nel giorno prefissato per l’estrazione ho ritenuto necessario rinviarla, ma rimanevano molti biglietti e la somma raccolta era inferiore al loro valore! Spero di procedere in occasione del Carnevale…

Per ultimo mi preme ringraziare Irma, Lucia, Maria Luigia, Selene, Fulvia, Libero, Paolo, Maria Grazia, Maria, Nino, Bruna, Bruno, Adriana e a tutti gli altri che, anche nel 2019, con la loro attività gratuita hanno reso sempre più vitale la nostra Associazione.

Concludo abbracciandovi tutti e augurandovi un sereno 2020!

Gabriella Sapori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *